Il testo provvisorio. La paratestualità come pratica di comunicazione autonoma