Il Polifilo tra lingua e immagine