La recente sentenza B.A.C. c. Grecia1 ha rappresentato l’occasione per una presa di posizione piuttosto innovativa da parte della Corte europea dei diritti umani, che ha ricostruito, in termini particolarmente incisivi, il rilievo giuridico dell’inattività nel trattamento di una domanda di protezione internazionale da parte delle autorità nazionali, le cui condotte omissive o gli eccessivi ritardi nell’esame delle richieste di protezione sarebbe- ro idonee ad integrare una violazione del diritto al rispetto della vita privata e familiare.

Condizione di precarietà ed incertezza dei richiedenti protezione internazionale al vaglio della Corte europea: in margine al caso B.A.C. c. Grecia

Marchegiani, M
2016

Abstract

La recente sentenza B.A.C. c. Grecia1 ha rappresentato l’occasione per una presa di posizione piuttosto innovativa da parte della Corte europea dei diritti umani, che ha ricostruito, in termini particolarmente incisivi, il rilievo giuridico dell’inattività nel trattamento di una domanda di protezione internazionale da parte delle autorità nazionali, le cui condotte omissive o gli eccessivi ritardi nell’esame delle richieste di protezione sarebbe- ro idonee ad integrare una violazione del diritto al rispetto della vita privata e familiare.
protection of the right to private life, torture and inhuman or degrading treatment or punishment, Greek System of International Protection, repatriation, extradition, Turkey
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
EP_EF_2016_H_030_Maura_Marchegiani_2.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso chiuso
Dimensione 110.08 kB
Formato Adobe PDF
110.08 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/896
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact