Perché è sbagliato classificare l’arte contemporanea come “spettacolo”. Sul progetto di riforma del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del tusimo (MiBACT)