In this contribution some paratextual aspects are comparatively examined between the ms. of the Teseida delle nozze d’Emilia autographed by Giovanni Boccaccio (Florence, Blblioteca Medicea Laurenziana, Acquisti e Doni 325) and the fifteenth Oratoriano ms. of the Biblioteca Oratoriana dei Girolamini (Naples, MS Oratoriano, Cod. C.F. 2.8 [Pil. X]) copied by Guido di Piero di Giovanni de’ Ricci. The Oratoriano is believed to be a copy of a lost manuscript, autographed by Boccaccio, in the new edition of the poem (2015) by Edvige Agostinelli and William E. Coleman, different from the Laurenziano and containing a different text of Boccaccio’s poem. From a close confrontation between the Laurenziano and the Oratoriano, centered on the illustrative plan designed (but not executed) by Boccaccio and the signs of paragraphs of the Laurenziano manuscript, it emerges that the Oratoriano questionably fills the gaps in the Laurenziano, and does not respect the balance of the system given by the wholeness of the paratextual signals in Boccaccio, thus giving evidence of a re-elaboration made by a copyist far from the author’s framework.

Nel contributo si mettono a confronto alcuni aspetti paratestuali dell’autografo del Teseida di Giovanni Boccaccio (Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, ms. Acquisti e Doni 325) e del manoscritto quattrocentesco della stessa opera copiato da Guido de’ Ricci (Napoli, Biblioteca Oratoriana dei Girolamini, ms. Oratoriano, Cod. C.F. 2.8 [Pil. X.36]). Secondo la recente edizione del poema (2015), curata da Edvige Agostinelli e William E. Coleman, l’Oratoriano sarebbe copia di un perduto autografo del Boccaccio, portatore di una diversa redazione del poema. Nel contributo qui presentato, chi scrive ha confrontato analiticamente il sistema delle maiuscole, delle illustrazioni, dei segnali paratestuali (rubriche e segni di paragrafo) dell’autografo Laurenziano con la copia quattrocentesca dell’Oratoriano. Ne risulta che l’Oratoriano colma discutibilmente le lacune dell’autografo Laurenziano, non rispetta l’equilibrio del sistema dei segnali paratestuali di Boccaccio, e denuncia quindi che l’Oratoriano è una copia e che non reca tracce delle scrittoio del Boccaccio.

Due manoscritti: la questione delle illustrazioni

Malagnini, Francesca
2016

Abstract

Nel contributo si mettono a confronto alcuni aspetti paratestuali dell’autografo del Teseida di Giovanni Boccaccio (Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, ms. Acquisti e Doni 325) e del manoscritto quattrocentesco della stessa opera copiato da Guido de’ Ricci (Napoli, Biblioteca Oratoriana dei Girolamini, ms. Oratoriano, Cod. C.F. 2.8 [Pil. X.36]). Secondo la recente edizione del poema (2015), curata da Edvige Agostinelli e William E. Coleman, l’Oratoriano sarebbe copia di un perduto autografo del Boccaccio, portatore di una diversa redazione del poema. Nel contributo qui presentato, chi scrive ha confrontato analiticamente il sistema delle maiuscole, delle illustrazioni, dei segnali paratestuali (rubriche e segni di paragrafo) dell’autografo Laurenziano con la copia quattrocentesca dell’Oratoriano. Ne risulta che l’Oratoriano colma discutibilmente le lacune dell’autografo Laurenziano, non rispetta l’equilibrio del sistema dei segnali paratestuali di Boccaccio, e denuncia quindi che l’Oratoriano è una copia e che non reca tracce delle scrittoio del Boccaccio.
In this contribution some paratextual aspects are comparatively examined between the ms. of the Teseida delle nozze d’Emilia autographed by Giovanni Boccaccio (Florence, Blblioteca Medicea Laurenziana, Acquisti e Doni 325) and the fifteenth Oratoriano ms. of the Biblioteca Oratoriana dei Girolamini (Naples, MS Oratoriano, Cod. C.F. 2.8 [Pil. X]) copied by Guido di Piero di Giovanni de’ Ricci. The Oratoriano is believed to be a copy of a lost manuscript, autographed by Boccaccio, in the new edition of the poem (2015) by Edvige Agostinelli and William E. Coleman, different from the Laurenziano and containing a different text of Boccaccio’s poem. From a close confrontation between the Laurenziano and the Oratoriano, centered on the illustrative plan designed (but not executed) by Boccaccio and the signs of paragraphs of the Laurenziano manuscript, it emerges that the Oratoriano questionably fills the gaps in the Laurenziano, and does not respect the balance of the system given by the wholeness of the paratextual signals in Boccaccio, thus giving evidence of a re-elaboration made by a copyist far from the author’s framework.
Boccaccio autographs
Teseida.ms. Acquisti e Doni 325 (Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze) e ms. Oratoriano, Cod. C.F. 2.8 [Pil. X.36] (Napoli, Biblioteca Oratoriana dei Girolamini)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2016_SsB_Due manoscritti la questione delle illustrazioni_completo.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso chiuso
Dimensione 804.34 kB
Formato Adobe PDF
804.34 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/686
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact