Benvenuto Terracini, Bruno Migliorini e la linguistica europea del Novecento