In the middle of the XIVth century, after his discovery of the epistles to Atticus, Quintus, and Brutus in the chapter library of Verona cathedral and the composition of some letters to the great authors of the past to be included in a collection, Petrarch decided to address future generations as well and to commend to them his own portrait. Thus he gave birth to an autobiographical Latin letter, with which he could briefly and directly write about himself to posterity, an epistle that is known as "Posteritati" or "Ad Posteritatem". In the course of time, despite much work, Petrarch lost interest in this project and left it unfinished. In the article I offered an overview of the contents and structure of this letter, I illustrated the circumstances of its composition and I discussed the philological and editorial problems related to this text, which did not receive the author’s last hand.

A metà Trecento, dopo aver scoperto le epistole di Cicerone ad Attico, Quinto e Bruto nella Biblioteca Capitolare di Verona e dopo aver scritto alcune lettere ai grandi autori del passato da inserire nella sua prima grande raccolta epistolare, Francesco Petrarca medita di rivolgersi anche alle generazioni future e di affidare a loro il proprio ritratto. Nasce così il progetto di una lettera in latino di contenuto autobiografico con la quale parlare di sé alla posterità in maniera diretta e breve, epistola nota come "Posteritati" o "Ad Posteritatem". Con il passare del tempo, nonostante una lunga fase di elaborazione, Petrarca perde interesse per lo scritto e lo lascerà incompiuto. Nel contributo è offerta una panoramica dei contenuti e della complessa struttura della lettera ai posteri, ne sono illustrate le circostanze di composizione ed è fornito un assaggio delle problematiche filologiche ed editoriali che tale testo, che non ha ricevuto l'ultima mano dell'autore, pone.

L'incompiuta autobiografia di Francesco Petrarca

Refe Laura
2016

Abstract

A metà Trecento, dopo aver scoperto le epistole di Cicerone ad Attico, Quinto e Bruto nella Biblioteca Capitolare di Verona e dopo aver scritto alcune lettere ai grandi autori del passato da inserire nella sua prima grande raccolta epistolare, Francesco Petrarca medita di rivolgersi anche alle generazioni future e di affidare a loro il proprio ritratto. Nasce così il progetto di una lettera in latino di contenuto autobiografico con la quale parlare di sé alla posterità in maniera diretta e breve, epistola nota come "Posteritati" o "Ad Posteritatem". Con il passare del tempo, nonostante una lunga fase di elaborazione, Petrarca perde interesse per lo scritto e lo lascerà incompiuto. Nel contributo è offerta una panoramica dei contenuti e della complessa struttura della lettera ai posteri, ne sono illustrate le circostanze di composizione ed è fornito un assaggio delle problematiche filologiche ed editoriali che tale testo, che non ha ricevuto l'ultima mano dell'autore, pone.
In the middle of the XIVth century, after his discovery of the epistles to Atticus, Quintus, and Brutus in the chapter library of Verona cathedral and the composition of some letters to the great authors of the past to be included in a collection, Petrarch decided to address future generations as well and to commend to them his own portrait. Thus he gave birth to an autobiographical Latin letter, with which he could briefly and directly write about himself to posterity, an epistle that is known as "Posteritati" or "Ad Posteritatem". In the course of time, despite much work, Petrarch lost interest in this project and left it unfinished. In the article I offered an overview of the contents and structure of this letter, I illustrated the circumstances of its composition and I discussed the philological and editorial problems related to this text, which did not receive the author’s last hand.
Petrarch
philology
epistle to Posterity
Francesco Petrarca
filologia
lettera ai posteri
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Refe - L'incompiuta autobiografia di Francesco Petrarca.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso chiuso
Dimensione 197.71 kB
Formato Adobe PDF
197.71 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/30095
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact