Credi ai tuoi occhi o alla mia parola? Appunti sulla Biennale di Venezia