Il saggio offre una prospettiva in buona parte inedita su un periodo della vita di Ermes Visconti che, da teorico della letteratura e minuzioso lettore e correttore dei Promessi Sposi, lo vede imboccare una strada di devozione ascetica mal compresa anche dagli amici più prossimi. Fulcro di questo periodo è la traduzione della seconda parte della Via compendii ad Deum di Giovanni Bona, che Visconti recupera dal sostanziale oblio del secolo precedente per riproporlo alla pietà popolare, entro un quadro di riferimenti culturali e religiosi mutati. La curatrice compie così un percorso di studio che dal testo originale (che pubblicherà in edizione critica nel 2006) giunge fino alla sua ripresa ottocentesca.

«La marque suprême de l’exil». Ermes Visconti e la pratica mistica delle aspirazioni

Sabrina Stroppa
1997

Abstract

Il saggio offre una prospettiva in buona parte inedita su un periodo della vita di Ermes Visconti che, da teorico della letteratura e minuzioso lettore e correttore dei Promessi Sposi, lo vede imboccare una strada di devozione ascetica mal compresa anche dagli amici più prossimi. Fulcro di questo periodo è la traduzione della seconda parte della Via compendii ad Deum di Giovanni Bona, che Visconti recupera dal sostanziale oblio del secolo precedente per riproporlo alla pietà popolare, entro un quadro di riferimenti culturali e religiosi mutati. La curatrice compie così un percorso di studio che dal testo originale (che pubblicherà in edizione critica nel 2006) giunge fino alla sua ripresa ottocentesca.
Letteratura italiana XIX secolo
Ermes Visconti
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12071/26964
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact