Nel commentare il terzo punto del Manifesto programmatico per l’insegnamento della lingua italiana agli studenti internazionali, il contributo mostra in che modo gli assunti teorici derivanti dai modelli usage-based, integrati dalle evidenze empiriche osservabili attraverso i corpora, rappresentino una chiave di volta importante per ripensare non solo il ruolo dell’input nell’apprendimento, ma anche il modo in cui lo si caratterizza.

Input, frequenza e modelli usage-based: il Data-driven learning come interfaccia tra teorie acquisizionali e pratica didattica

Spina, Stefania;Forti, Luciana;Grego, Giuliana
2020

Abstract

Nel commentare il terzo punto del Manifesto programmatico per l’insegnamento della lingua italiana agli studenti internazionali, il contributo mostra in che modo gli assunti teorici derivanti dai modelli usage-based, integrati dalle evidenze empiriche osservabili attraverso i corpora, rappresentino una chiave di volta importante per ripensare non solo il ruolo dell’input nell’apprendimento, ma anche il modo in cui lo si caratterizza.
978-88-6995-798-7
corpora, apprendimento linguistico, Italiano L2/LS, approcci usage-based, data-driven learning
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Spina, Forti, Grego Bolli, 2020.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso chiuso
Dimensione 4.21 MB
Formato Adobe PDF
4.21 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/25868
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact