Lionello Venturi nell'esilio americano