Paolo Zolli e il DELI. Dai diari di lavoro