"Più superbo/ volo per altri cieli è la mia vita". Sete di assoluto e fascinazione del nulla in Michelstaedter