Quando lo storico dell'arte era un partigiano