Dal continuo narrativo al discreto dell'immagine: Manzoni e Gonin