La ripetizione testuale, verbale e iconica negli autografi di Giovanni Boccaccio