Una nuova ricerca sull'apprendimento dell’italiano