Fase 2, «ripartenza», tanatopolitica. Sulla crisi della società dello spettacolo ai tempi del coronavirus