Il grand design di Angela Merkel tra slanci e ostacoli