Il presente contributo vuol proporre alcuni spunti di riflessione critica su quella che appare come un’inevitabile impasse: da un lato la necessità di fare chiarezza sul significato delle parole, specie quando queste impegnano, come nel caso dei movimenti non violenti, in scelte cruciali, dall’altro la difficoltà di giungere a una definizione condivisa. La soluzione proposta dall'autrice parte dalla prospettiva del pensiero della complessità per evidenziare i meccanismi comunicativi che si celano dietro le ambiguità tipiche della nostra comunicazione, caotica e ridondante. In particolare, l'autrice introduce e sviluppa due concetti euristici(pensiero orizzontale e pensiero verticale) e li utilizza come chiave interpretativa delle diverse, possibili definizioni.

Barbieri, angeli, muratori e torri. Elogio della complessità

COPPOLA D
2010

Abstract

Il presente contributo vuol proporre alcuni spunti di riflessione critica su quella che appare come un’inevitabile impasse: da un lato la necessità di fare chiarezza sul significato delle parole, specie quando queste impegnano, come nel caso dei movimenti non violenti, in scelte cruciali, dall’altro la difficoltà di giungere a una definizione condivisa. La soluzione proposta dall'autrice parte dalla prospettiva del pensiero della complessità per evidenziare i meccanismi comunicativi che si celano dietro le ambiguità tipiche della nostra comunicazione, caotica e ridondante. In particolare, l'autrice introduce e sviluppa due concetti euristici(pensiero orizzontale e pensiero verticale) e li utilizza come chiave interpretativa delle diverse, possibili definizioni.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/1192
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact