Lussu, Gadda e la demitizzazione della grande guerra