Accordo soggetto-verbo e direzionalità: il problema del genere