Balibar rilancia qui il concetto “dinamico, relazionale e conflittuale della democrazia” più volte presentato in lavori come Cittadinanza (Torino, Bollati Boringhieri, 2012) o il più recente Europe, crise et fin ? (Lormont, Le Bord de l’eau, 2016; tr. it. Crisi e fine dell’Europa ?, Torino, Bollati Boringhieri, 2016). Dopo aver affrontato la questione del populismo e quella del neoliberalismo egemone – che in un’ottica di lungo periodo viene qui presentato anche come fenomeno post-socialista e post-coloniale -, Balibar sostiene che il processo di de-democratizzazione oggi in corso un po’ ovunque potrà essere invertito solo costruendo “collettivamente gli strumenti per modificare la globalizzazione o, se si vuole, per ri-orientarla”. Ad esempio, contro un’Unione europea che “concorre attivamente alla sua stessa decomposizione” – ma anche contro ogni ripiegamento di stampo neo-nazionalista -, si tratta di “lavorare alla sua rifondazione”: a partire dall’agire politico di tutti quei movimenti “che accrescono il livello di esigenza democratica nello spazio europeo”. Sullo sfondo delle parole di Balibar, campeggia la lezione “democratizzante” di Baruch Spinoza e, in particolare, la sua “straordinaria capacità di analizzare i problemi posti dall’idea di una potenza della massa o della moltitudine”. Moltitudine che – come Balibar aveva già messo in luce in Spinoza et la politique (1985) – è “al contempo una forza creativa e un pericolo per se stessa”.

Democratizzazione o de-democratizzazione: la dimensione transnazionale

Alessandro Simoncini
2017

Abstract

Balibar rilancia qui il concetto “dinamico, relazionale e conflittuale della democrazia” più volte presentato in lavori come Cittadinanza (Torino, Bollati Boringhieri, 2012) o il più recente Europe, crise et fin ? (Lormont, Le Bord de l’eau, 2016; tr. it. Crisi e fine dell’Europa ?, Torino, Bollati Boringhieri, 2016). Dopo aver affrontato la questione del populismo e quella del neoliberalismo egemone – che in un’ottica di lungo periodo viene qui presentato anche come fenomeno post-socialista e post-coloniale -, Balibar sostiene che il processo di de-democratizzazione oggi in corso un po’ ovunque potrà essere invertito solo costruendo “collettivamente gli strumenti per modificare la globalizzazione o, se si vuole, per ri-orientarla”. Ad esempio, contro un’Unione europea che “concorre attivamente alla sua stessa decomposizione” – ma anche contro ogni ripiegamento di stampo neo-nazionalista -, si tratta di “lavorare alla sua rifondazione”: a partire dall’agire politico di tutti quei movimenti “che accrescono il livello di esigenza democratica nello spazio europeo”. Sullo sfondo delle parole di Balibar, campeggia la lezione “democratizzante” di Baruch Spinoza e, in particolare, la sua “straordinaria capacità di analizzare i problemi posti dall’idea di una potenza della massa o della moltitudine”. Moltitudine che – come Balibar aveva già messo in luce in Spinoza et la politique (1985) – è “al contempo una forza creativa e un pericolo per se stessa”.
Balibar, de-democratizzazione, globalizzazione, Unione europea, neo-nazionalismo, moltitudine, Spinoza
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Balibar tysm de-democratizzazione.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Creative commons
Dimensione 525.39 kB
Formato Adobe PDF
525.39 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/20228
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact