Non c’è un “mondo comune”