Georges Didi-Huberman: «Le lacrime sono una manifestazione della potenza politica»