Lowy mostra come l’approccio estremamente dialettico di Rosa Luxemburg allo Stato borghese e alle sue forme democratiche le permette di sfuggire tanto agli approcci social-liberali (á laBernstein), che negano il loro carattere borghese, quanto a quelli di un certo marxismo volgare, che non tengono in considerazione l’importanza della democrazia. Fedele alla teoria marxista dello Stato, Rosa Luxemburg insiste sul suo carattere di “Stato di classe”.

La critica della democrazia borghese in Rosa Luxemburg

Alessandro Simoncini
2019

Abstract

Lowy mostra come l’approccio estremamente dialettico di Rosa Luxemburg allo Stato borghese e alle sue forme democratiche le permette di sfuggire tanto agli approcci social-liberali (á laBernstein), che negano il loro carattere borghese, quanto a quelli di un certo marxismo volgare, che non tengono in considerazione l’importanza della democrazia. Fedele alla teoria marxista dello Stato, Rosa Luxemburg insiste sul suo carattere di “Stato di classe”.
Michael Lowy, Stato borghese, democrazia, teoria marxista dello Stato, Rosa Luxemburg, “Stato di classe”.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
La critica della democrazia borghese in Rosa Luxemburg tysm.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Creative commons
Dimensione 313.53 kB
Formato Adobe PDF
313.53 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/20081
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact