Dove il mercato elettorale è statico e i leader sono negoziali: l'Umbria e il potere di "nomination" dei partiti