La vocazione a fare della (storia della) filosofia una sorta di operazione programmatica e talvolta pressoché pedagogica, è una tendenza di lunga durata del pensiero italiano. Riguarda quantomeno autori rilevanti che operano nel contesto ottocentesco e risorgimentale, ma si trasmette anche al Novecento. Gentile ne è l'esponente più rappresentativo; ma anche in Garin, e dunque nella storiografia postbellica, appare la traccia di questa attitudine, appena trasposta in un contesto storico e politico differente

Filosofia come pedagogia. Note su un’ideologia nazionale

Allegra
2019

Abstract

La vocazione a fare della (storia della) filosofia una sorta di operazione programmatica e talvolta pressoché pedagogica, è una tendenza di lunga durata del pensiero italiano. Riguarda quantomeno autori rilevanti che operano nel contesto ottocentesco e risorgimentale, ma si trasmette anche al Novecento. Gentile ne è l'esponente più rappresentativo; ma anche in Garin, e dunque nella storiografia postbellica, appare la traccia di questa attitudine, appena trasposta in un contesto storico e politico differente
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
filosofia come pedagogia postprint.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.02 MB
Formato Adobe PDF
1.02 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/14781
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact