Le forme dell'esilio, tra Dante e Montale