CARLO MICHELSTAEDTER. UN INTELLETTUALE DI CONFINE