L’ex Stato Pontificio, dopo il 1870, risulta essere uno dei principali territori italiani dove continua a pesare la questione cattolica, non solo in termini religiosi, culturali e sociali, ma anche politico-elettorali. Non certo in modo diretto, dato il non expedit voluto da Pio IX, ma a causa dell’affermarsi di rappresentanze parlamentari di orien-tamento conservatore o liberalmoderato in alternativa a quelle democratiche di ispirazione mazziniana e garibaldina. E questa tendenza si espresse nelle stesse elezioni politiche del 20 novembre 1870, tenutesi due mesi dopo la liberazione di Roma, e poi si consolidò nei decenni successivi. Più in generale, si può sostenere che nell’arco di un ventennio, a partire dall’Unità d’Italia si è consolidata nella provincia dell’Umbria una tendenza elettorale che ha visto prevalere i candidati della Destra liberale, più o meno moderata, mentre la Sinistra mazziniana e garibaldina non si è affermata nemmeno dopo la “presa di Roma”, pur avendo contribuito in modo significativo alla liberazione della capitale del Regno dal potere pontificio. E questa stessa tendenza, in Italia come in Umbria, è stata superata solo dopo la prima guerra mondiale con le elezioni del 1919.

Le elezioni politiche nella Provincia dell'Umbria prima e dopo il 1870

Stramaccioni Alberto
2021

Abstract

L’ex Stato Pontificio, dopo il 1870, risulta essere uno dei principali territori italiani dove continua a pesare la questione cattolica, non solo in termini religiosi, culturali e sociali, ma anche politico-elettorali. Non certo in modo diretto, dato il non expedit voluto da Pio IX, ma a causa dell’affermarsi di rappresentanze parlamentari di orien-tamento conservatore o liberalmoderato in alternativa a quelle democratiche di ispirazione mazziniana e garibaldina. E questa tendenza si espresse nelle stesse elezioni politiche del 20 novembre 1870, tenutesi due mesi dopo la liberazione di Roma, e poi si consolidò nei decenni successivi. Più in generale, si può sostenere che nell’arco di un ventennio, a partire dall’Unità d’Italia si è consolidata nella provincia dell’Umbria una tendenza elettorale che ha visto prevalere i candidati della Destra liberale, più o meno moderata, mentre la Sinistra mazziniana e garibaldina non si è affermata nemmeno dopo la “presa di Roma”, pur avendo contribuito in modo significativo alla liberazione della capitale del Regno dal potere pontificio. E questa stessa tendenza, in Italia come in Umbria, è stata superata solo dopo la prima guerra mondiale con le elezioni del 1919.
9788857576350
Stato Pontificio, Provincia dell'Umbria, Elezioni politiche 1861, Elezioni politiche1865, Elezioni politiche 1867, Elezioni politiche 1870
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
STRAMACCIONI - Le elezioni nella Provincia dellUmbria prima e dopo il 1870 - Mimesis2021.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso chiuso
Dimensione 5.74 MB
Formato Adobe PDF
5.74 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/26313
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact