La voce “morale” degli animali dal Cinquecento a Leopardi e oltre