La Costituzione finlandese del 1919 rappresenta il crocevia simbolico di significativi eventi nel quadro del costituzionalismo continentale agli albori del XX secolo: l’affermazione dell’indipendenza dall’Impero Russo nell’ambito di un originale processo di Nation Building; la realizzazione di una singolare forma di governo – che verrà, poi, qualificata come ‘semipresidenziale’ dalla dottrina comparatistica – con rilevanti elementi di novità rispetto al modello parlamentare all’epoca prevalente in Europa; l’originale struttura pluritestuale dell’assetto costituzionale (tributaria del modello svedese); l’introduzione ‘pionieristica’ del suffragio universale maschile e femminile; il consolidamento nel testo costituzionale dei diritti fondamentali e la peculiare concezione del controllo preventivo di costituzionalità. Sono, questi, i principali elementi di specifico interesse comparativo che emergono dalla Costituzione finlandese del 1919 e che ne segnano i più rilevanti sviluppi e le successive dinamiche istituzionali sino all’introduzione della nuova Costituzione unitestuale del 2000, la quale rappresenta la più efficace forma di definitiva consolidazione e maturazione del pregresso, originale, assetto costituzionale finnico introdotto nel 1919.

Il processo di Nation Building del primo dopoguerra nel contesto nordico: la Costituzione finlandese del 1919

Duranti, F
2020

Abstract

La Costituzione finlandese del 1919 rappresenta il crocevia simbolico di significativi eventi nel quadro del costituzionalismo continentale agli albori del XX secolo: l’affermazione dell’indipendenza dall’Impero Russo nell’ambito di un originale processo di Nation Building; la realizzazione di una singolare forma di governo – che verrà, poi, qualificata come ‘semipresidenziale’ dalla dottrina comparatistica – con rilevanti elementi di novità rispetto al modello parlamentare all’epoca prevalente in Europa; l’originale struttura pluritestuale dell’assetto costituzionale (tributaria del modello svedese); l’introduzione ‘pionieristica’ del suffragio universale maschile e femminile; il consolidamento nel testo costituzionale dei diritti fondamentali e la peculiare concezione del controllo preventivo di costituzionalità. Sono, questi, i principali elementi di specifico interesse comparativo che emergono dalla Costituzione finlandese del 1919 e che ne segnano i più rilevanti sviluppi e le successive dinamiche istituzionali sino all’introduzione della nuova Costituzione unitestuale del 2000, la quale rappresenta la più efficace forma di definitiva consolidazione e maturazione del pregresso, originale, assetto costituzionale finnico introdotto nel 1919.
978-88-495-4334-6
Diritto costituzionale comparato, Costituzione finlandese, costituzionalismo nordico, semipresidenzialismo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Orrù-Gallo-Sciannella - file definitivo.pdf

non disponibili

Descrizione: Contributo principale
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso chiuso
Dimensione 233.28 kB
Formato Adobe PDF
233.28 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12071/21565
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact