Tecnica, virtualità e paura. Su una versione dell’angoscia contemporanea