Macherey si confronta con Debord, mostrando come per quest'ultimo lo spettacolo recupera a proprio vantaggio la sostanza vivente catturata dai suoi consumatori, che gli stessi meccanismi dello spettacolo hanno reso autofagi: letteralmente, e in tutti i sensi del termine, lo spettacolo li “occupa”, prendendo possesso dei soggetti a loro insaputa. La società dello spettacolo, che investe il campo della vita quotidiana devastandolo nella sua totalità, è come un territorio occupato in attesa di forze che verranno a liberarlo. Forze del contro-spettacolo che Macherey segue nell'elaborazione concettuale di Debord.

Guy Debord: dallo spettacolo al contro-spettacolo

Alessandro Simoncini
2015

Abstract

Macherey si confronta con Debord, mostrando come per quest'ultimo lo spettacolo recupera a proprio vantaggio la sostanza vivente catturata dai suoi consumatori, che gli stessi meccanismi dello spettacolo hanno reso autofagi: letteralmente, e in tutti i sensi del termine, lo spettacolo li “occupa”, prendendo possesso dei soggetti a loro insaputa. La società dello spettacolo, che investe il campo della vita quotidiana devastandolo nella sua totalità, è come un territorio occupato in attesa di forze che verranno a liberarlo. Forze del contro-spettacolo che Macherey segue nell'elaborazione concettuale di Debord.
9788857530901
Macherey, Debord, spettacolo, vita quotidiana, contro-spettacolo, liberazione
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Dal pensiero critico pdf.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso chiuso
Dimensione 1.44 MB
Formato Adobe PDF
1.44 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/20111
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact