L'articolo analizza gli istituti giuridici e i principi applicabili alla complessa materia della protezione internazionale da accordare alle persone in fuga dai loro paesi di origine o di residenza. Viene proposta un'interpretazione, a livello europeo, dell'art.78 del TFUE per riconoscere, secondo la felice formula contenuta nello stesso articolo, "una status appropriato" a tutti per garantire loro una completa protezione e il rispetto del principio di non refoulement. E ciò deve avvenire alla luce del principio di umanità da ritenersi ormai inerente a qualsiasi regola riguardante la protezione dei diritti fondamentali, il diritto internazionale umanitario e il diritto sui rifugiati. Infatti si ritiene che i ristretti limiti di applicazione contemplati dalla Convenzione di Ginevra del 1951 sui rifugiati debbano considerarsi superati grazie soprattutto al generale accoglimento del principio di non refoulement e alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo sull'art.3 della CEDU sul divieto dei trattamenti inumani e degradanti.

La protezione sussidiaria e l'interpretazione in senso umanitario dell'art. 78 del Trattato sul funzionamento dell'UE

Giuffrida, R.
2015

Abstract

L'articolo analizza gli istituti giuridici e i principi applicabili alla complessa materia della protezione internazionale da accordare alle persone in fuga dai loro paesi di origine o di residenza. Viene proposta un'interpretazione, a livello europeo, dell'art.78 del TFUE per riconoscere, secondo la felice formula contenuta nello stesso articolo, "una status appropriato" a tutti per garantire loro una completa protezione e il rispetto del principio di non refoulement. E ciò deve avvenire alla luce del principio di umanità da ritenersi ormai inerente a qualsiasi regola riguardante la protezione dei diritti fondamentali, il diritto internazionale umanitario e il diritto sui rifugiati. Infatti si ritiene che i ristretti limiti di applicazione contemplati dalla Convenzione di Ginevra del 1951 sui rifugiati debbano considerarsi superati grazie soprattutto al generale accoglimento del principio di non refoulement e alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo sull'art.3 della CEDU sul divieto dei trattamenti inumani e degradanti.
9788863428308
Art. 78 TFUE, interpretazione
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
giuffrida-7 ferrari bravo.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso chiuso
Dimensione 448.52 kB
Formato Adobe PDF
448.52 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12071/1891
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact