Abbiamo diviso il volume in cinque capitoli, ognuno dei quali prova a ricostruire l’evoluzione e i singoli aspetti di un fenomeno estremamente composito, complesso e lunghissimo, e allo stesso tempo a ricomporre una mappa complessiva delle migrazioni, per orientarsi nella conoscenza, nella valutazione e nella percezione di esse, disponendo di un maggior numero di informazioni e di strumenti interpretativi. Siamo partiti dalla paleontologia e dalla genetica, passando attraverso la storia e la geopolitica, per arrivare a ricostruire le cause e gli effetti, generali e contingenti, della situazione attuale, a livello internazionale ma soprattutto per quanto riguarda la realtà in continuo mutamento del nostro paese. Abbiamo elencato e analizzato le fonti del diritto internazionale e gli adattamenti, in genere contraddittori e peggiorativi, delle normative nazionali, fino alle aberrazioni delle recenti leggi italiane. Abbiamo esaminato gli accordi internazionali e le politiche di contenimento messe in atto dall’Europa e dai singoli paesi con le loro conseguenze sui più deboli: una contraddizione drammatica e una colpevole rinuncia allo splendore spirituale che aveva portato ad aprire la strada ai nuovi diritti universali per il genere umano. Abbiamo cercato di citare e descrivere tutti i singoli soggetti istituzionali, pubblici, privati e del terzo settore, coinvolti nelle politiche di accoglienza, integrazione, controllo o respingimento dei migranti, con una analisi precisa della attuale situazione italiana, per formulare alcune ipotesi di cose da fare, valutando il peso che ogni decisione, tesa a considerare l’immigrazione un pericolo o un'opportunità, potrà avere sulla nostra vita collettiva. Fino ad arrivare ad una ipotesi finale, che non conclude, ma forse apre al nostro sguardo uno spiraglio inedito e radicale per il futuro.

Atlante delle migrazioni. Dalle origini dell'uomo alle nuove pandemie

Stefania Tusini
2020

Abstract

Abbiamo diviso il volume in cinque capitoli, ognuno dei quali prova a ricostruire l’evoluzione e i singoli aspetti di un fenomeno estremamente composito, complesso e lunghissimo, e allo stesso tempo a ricomporre una mappa complessiva delle migrazioni, per orientarsi nella conoscenza, nella valutazione e nella percezione di esse, disponendo di un maggior numero di informazioni e di strumenti interpretativi. Siamo partiti dalla paleontologia e dalla genetica, passando attraverso la storia e la geopolitica, per arrivare a ricostruire le cause e gli effetti, generali e contingenti, della situazione attuale, a livello internazionale ma soprattutto per quanto riguarda la realtà in continuo mutamento del nostro paese. Abbiamo elencato e analizzato le fonti del diritto internazionale e gli adattamenti, in genere contraddittori e peggiorativi, delle normative nazionali, fino alle aberrazioni delle recenti leggi italiane. Abbiamo esaminato gli accordi internazionali e le politiche di contenimento messe in atto dall’Europa e dai singoli paesi con le loro conseguenze sui più deboli: una contraddizione drammatica e una colpevole rinuncia allo splendore spirituale che aveva portato ad aprire la strada ai nuovi diritti universali per il genere umano. Abbiamo cercato di citare e descrivere tutti i singoli soggetti istituzionali, pubblici, privati e del terzo settore, coinvolti nelle politiche di accoglienza, integrazione, controllo o respingimento dei migranti, con una analisi precisa della attuale situazione italiana, per formulare alcune ipotesi di cose da fare, valutando il peso che ogni decisione, tesa a considerare l’immigrazione un pericolo o un'opportunità, potrà avere sulla nostra vita collettiva. Fino ad arrivare ad una ipotesi finale, che non conclude, ma forse apre al nostro sguardo uno spiraglio inedito e radicale per il futuro.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Atlante delle migrazioni.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Creative commons
Dimensione 25.82 MB
Formato Adobe PDF
25.82 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/18474
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact