Il critico che declinava "al plurale"