La globalizzazione difficile: ridisegnare la convivenza al tempo delle emozioni