Questo lavoro muove dall’ipotesi che il concetto di spettacolo possa ancora contribuire a produrre una corretta analisi del tempo presente. Coniato nella fertile fucina situazionista fin dagli anni ‘50, se adeguatamente aggiornato, esso permette infatti di mantenere lo sguardo sui processi di assoggettamento e di oggettivazione dei viventi che prendono forma nelle odierne società globalizzate, in cui sempre più si impone il capitalismo come rapporto sociale e, per dirla con Walter Benjamin, «come religione» .

Sul buon uso del concetto di spettacolo. Debord prossimo nostro

Alessandro Simoncini
2017

Abstract

Questo lavoro muove dall’ipotesi che il concetto di spettacolo possa ancora contribuire a produrre una corretta analisi del tempo presente. Coniato nella fertile fucina situazionista fin dagli anni ‘50, se adeguatamente aggiornato, esso permette infatti di mantenere lo sguardo sui processi di assoggettamento e di oggettivazione dei viventi che prendono forma nelle odierne società globalizzate, in cui sempre più si impone il capitalismo come rapporto sociale e, per dirla con Walter Benjamin, «come religione» .
9788899688288
Spettacolo, capitalismo, spettacolare concentrato, spettacolare diffuso, spettacolare integrato
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sul buon uso del concetto di spettacolo. Debord prossimo nostro. Società, potere e influenza - Simoncini.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 751.2 kB
Formato Adobe PDF
751.2 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12071/16209
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact