Note sulla dialettica tra modernità e post-modernità: Weber e Bauman