L'articolo analizza la normativa sulla protezione sussidiaria che mira, a livello europeo, a superare i limiti imposti dalla definizione di rifugiato contenuta nella Convenzione di Ginevra del 1951, ormai ritenuta inadeguata alle esigenze attuali. A tal fine vengono presi in esame tutti gli istituti giuridici che prevedono, a livello internazionale, forme di protezione per coloro che devono affrontare emergenze umanitarie. In particolare le nozioni di protezione, asilo, rifugiato e refoulement. Inoltre vengono interpretati alla luce del principio di umanità, l'art. 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo del1950 sul divieto di trattamenti inumani e degradanti e l'art 78 del TFUE con la normativa secondaria europea per configurare un regime efficace unico di protezione internazionale. In effetti la normativa europea deve considerarsi una conquista importante soprattutto in quanto la protezione viene accordata, secondo la giurisprudenza della Corte di giustizie dell'UE, per ragioni obiettive superando i ristretti limiti sull'onere della prova imposti dalla richiamata Convenzione di Ginevra. Così la ricerca di uno "status appropriato" da accordare in ogni circosttnza deve essere effettuata alla luce del principio di umanità.

Subsidiary Protection in International and European Law

Giuffrida R
2017

Abstract

L'articolo analizza la normativa sulla protezione sussidiaria che mira, a livello europeo, a superare i limiti imposti dalla definizione di rifugiato contenuta nella Convenzione di Ginevra del 1951, ormai ritenuta inadeguata alle esigenze attuali. A tal fine vengono presi in esame tutti gli istituti giuridici che prevedono, a livello internazionale, forme di protezione per coloro che devono affrontare emergenze umanitarie. In particolare le nozioni di protezione, asilo, rifugiato e refoulement. Inoltre vengono interpretati alla luce del principio di umanità, l'art. 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo del1950 sul divieto di trattamenti inumani e degradanti e l'art 78 del TFUE con la normativa secondaria europea per configurare un regime efficace unico di protezione internazionale. In effetti la normativa europea deve considerarsi una conquista importante soprattutto in quanto la protezione viene accordata, secondo la giurisprudenza della Corte di giustizie dell'UE, per ragioni obiettive superando i ristretti limiti sull'onere della prova imposti dalla richiamata Convenzione di Ginevra. Così la ricerca di uno "status appropriato" da accordare in ogni circosttnza deve essere effettuata alla luce del principio di umanità.
9789004269491
Rifugiati, protezione sussidiaria
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
leiden (1).pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso chiuso
Dimensione 2.52 MB
Formato Adobe PDF
2.52 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
lattanzi pubblicazione_0.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso chiuso
Dimensione 561.99 kB
Formato Adobe PDF
561.99 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12071/1547
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact