Persone analitiche? Sul rapporto tra filosofia analitica e soggettività