Il realismo impossibile di “Aracoeli”