Lavoro e persona in Locke. Note su un problema classico