“L’uomo intero […] della vita reale”: da una lingua per comunicare a una lingua d’identità