La lettera che vive e il linguaggio alato