La Svezia, oggi meta di destinazione di significativi flussi migratori, ha sviluppato nel corso del tempo un proprio, originale, modello di integrazione dei migranti nel contesto nazionale, concretamente declinatosi, per lungo tempo, nel senso della espressa vocazione ai principi del multiculturalismo, secondo una prospettiva indirizzata alla ricerca di una effettiva integrazione dei migranti nel mercato del lavoro e nella società, con politiche attive di sostegno alla diversità culturale ed alla reciproca eguaglianza e solidarietà tra migranti e nativi svedesi. A differenza di altri paesi europei, i quali negli ultimi anni hanno intrapreso un comune percorso volto all’introduzione di severe norme in tema di integrazione civica dei migranti – quali corsi obbligatori di cultura civica nazionale, test linguistici o requisiti economici per l’ingresso, la concessione di permessi di soggiorno o la cittadinanza del paese ricevente – in Svezia tali misure non sono ancora, al contrario, state adottate, né imposte quali obbligatorie a carico dei migranti, con il risultato di classificare il modello svedese di integrazione come differente da quello oggi prevalente in Europa (indicato icasticamente come ‘fuga dal multiculturalismo’). Il modello svedese è stato, tuttavia, messo duramente alla prova, di recente, dalla situazione di particolare emergenza determinata dallo straordinario flusso di rifugiati verificatosi nell’autunno 2015, che ha costretto le istituzioni svedesi a ricorrere a misure straordinarie – approvate con leggi temporanee, destinate a cessare al termine di un periodo predefinito di tempo – per fronteggiare l’emergenza, non senza critiche e contestazioni, anche d’ordine costituzionale, rispetto alle misure concretamente prese, che pongono qualche dubbio sulla tenuta complessiva del modello a fronte del protrarsi (o del ripetersi) di fenomeni straordinari quali quelli in questione.

Comparazione, integrazione, multiculturalismo: il percorso della Svezia.

F. Duranti
2018

Abstract

La Svezia, oggi meta di destinazione di significativi flussi migratori, ha sviluppato nel corso del tempo un proprio, originale, modello di integrazione dei migranti nel contesto nazionale, concretamente declinatosi, per lungo tempo, nel senso della espressa vocazione ai principi del multiculturalismo, secondo una prospettiva indirizzata alla ricerca di una effettiva integrazione dei migranti nel mercato del lavoro e nella società, con politiche attive di sostegno alla diversità culturale ed alla reciproca eguaglianza e solidarietà tra migranti e nativi svedesi. A differenza di altri paesi europei, i quali negli ultimi anni hanno intrapreso un comune percorso volto all’introduzione di severe norme in tema di integrazione civica dei migranti – quali corsi obbligatori di cultura civica nazionale, test linguistici o requisiti economici per l’ingresso, la concessione di permessi di soggiorno o la cittadinanza del paese ricevente – in Svezia tali misure non sono ancora, al contrario, state adottate, né imposte quali obbligatorie a carico dei migranti, con il risultato di classificare il modello svedese di integrazione come differente da quello oggi prevalente in Europa (indicato icasticamente come ‘fuga dal multiculturalismo’). Il modello svedese è stato, tuttavia, messo duramente alla prova, di recente, dalla situazione di particolare emergenza determinata dallo straordinario flusso di rifugiati verificatosi nell’autunno 2015, che ha costretto le istituzioni svedesi a ricorrere a misure straordinarie – approvate con leggi temporanee, destinate a cessare al termine di un periodo predefinito di tempo – per fronteggiare l’emergenza, non senza critiche e contestazioni, anche d’ordine costituzionale, rispetto alle misure concretamente prese, che pongono qualche dubbio sulla tenuta complessiva del modello a fronte del protrarsi (o del ripetersi) di fenomeni straordinari quali quelli in questione.
978-88-495-3736-9
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
seconde bozze duranti (2018).pdf

non disponibili

Descrizione: Contributo in volume
Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 142.73 kB
Formato Adobe PDF
142.73 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12071/11821
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact